SERVIZIO CLIENTI 0541.628242 Lunedì - Venerdì / 8.30-17.30

Il bilancio

Terza edizione

Autori Francesco Giunta - Michele Pisani
Argomenti Apogeo Education > Discipline aziendali > Economia Aziendale / Ragioneria
Editore Maggioli Editore
Formato Cartaceo
Dimensione 19x23,5
Pagine 900
Pubblicazione Marzo 2017 (III° Edizione)
ISBN 9788891621863
Collana Apogeo Education
Prezzo Online:

54,00 €

45,90 €

Descrizione

Il bilancio è la raccolta di informazioni più immediatamente disponibili sull’assetto e sull’andamento di un’azienda. Ogni operatore economico deve saperlo interpretare correttamente, vuoi che si tratti di controllare la gestione di un’azienda, vuoi che si debba decidere 
se avviare o mantenere con essa rapporti d’affari. Per interpretare correttamente un bilancio, però, 
occorre avere una conoscenza non superficiale del suo “linguaggio”, ossia dei criteri e delle regole secondo 
le quali esso viene costruito. Questo libro si propone di offrire una presentazione 
del bilancio organica e rigorosa, ma accessibile 
anche ai non specialisti. In un contesto normativo che ha subito profonde trasformazioni, il volume mantiene come principale 
punto di riferimento: 
- le norme del Codice Civile, riformate dal D. Lgs. 18 agosto 2015, n. 139, di recepimento della Direttiva 34/2013/UE;
- i principi contabili OIC, aggiornati al dicembre 2016.
Sulle questioni di maggior rilievo si esamina anche 
la posizione dei principi contabili internazionali. 

Francesco Giunta è professore ordinario di Analisi di Bilancio presso il Dipartimento di Scienze per l’Economia e l’Impresa dell’Università degli Studi di Firenze. 
Michele Pisani è professore ordinario

di Ragioneria Generale e Applicata presso il Dipartimento di Ingegneria Industriale 
e dell’Informazione e di Economia dell’Università degli Studi dell’Aquila. 


INDICE


Parte I: Le norme che regolano la redazione del bilancio
1 La disciplina del bilancio
1.1 Dalla contabilità generale al bilancio di esercizio
1.2 Bilanci interni e bilancio pubblico: le regole che disciplinano la redazione del bilancio pubblico
1.3 Le norme del Codice Civile
1.4 La prassi contabile
1.5 Le norme fiscali
2 Le clausole generali
2.1 Le norme del Codice Civile: postulati e criteri specifici
2.2 Le finalità del bilancio: lo “strumento universale” di informazione
2.3 Le clausole generali
3 I principi di redazione
3.1 Dalle clausole generali ai principi di redazione
3.2 Le precondizioni tecnico-contabili
3.3 I principi di redazione
3.4 L’omogeneità dei valori di bilancio
4 La deroga
4.1 Uno strappo alle regole: la deroga
4.2 Quando derogare: i casi eccezionali e l’incompatibilità con il “quadro fedele”
4.3 Come derogare: le informazioni integrative sui motivi e sugli effetti della deroga
4.4 Come derogare: il “congelamento” degli utili
Parte II: La forma del bilancio
5 I documenti che formano il bilancio
5.1 Il bilancio e il “corredo”
5.2 Le informazioni complementari
5.3 L’informazione volontaria e la comunicazione integrata di bilancio
6 Lo Stato Patrimoniale: forma e struttura
6.1 Gli elementi dello Stato Patrimoniale: attività, passività, patrimonio netto
6.2 La forma e la struttura del prospetto
6.3 Le zone di elasticità
6.4 Il criterio di classificazione delle poste
6.5 Le operazioni con imprese consociate
7 Lo Stato Patrimoniale: l’attivo
7.1 I crediti verso soci per versamenti ancora dovuti
7.2 Le immobilizzazioni
7.3 L’attivo circolante
7.4 I ratei e i risconti attivi
8 Lo Stato Patrimoniale: il passivo
8.1 Il patrimonio netto
8.2 I fondi per rischi e oneri
8.3 Il trattamento di fine rapporto di lavoro subordinato
8.4 I debiti
8.5 I ratei e i risconti passivi
9 Il Conto Economico: forma e struttura
9.1 Gli elementi del Conto Economico: ricavi e costi
9.2 La forma e la struttura del prospetto
9.3 Il criterio di classificazione delle poste
9.4 Dai componenti straordinari a quelli eccezionali
10 La gestione operativa e finanziaria
10.1 La gestione operativa
10.2 La gestione finanziaria
11 Le imposte e il reddito dell’esercizio
11.1 Il risultato prima delle imposte
11.2 Le imposte sul reddito dell’esercizio: le imposte correnti
11.3 Le imposte sul reddito dell’esercizio: la fiscalità differita
11.4 L’utile (perdite) dell’esercizio
12 Il Rendiconto Finanziario: forma e struttura
12.1 Le condizioni di liquidità e il Rendiconto Finanziario
12.2 L’analisi della liquidità: dalle quantità livello ai flussi finanziari
12.3 La scelta della risorsa finanziaria di riferimento: le disponibilità liquide
12.4 Il Rendiconto delle disponibilità liquide: la forma scalare e le aree di gestione
12.5 Il flusso di cassa operativo corrente
12.6 Il flusso di cassa dell’attività di investimento
12.7 Il flusso di cassa dell’attività di finanziamento
12.8 Una diversa struttura per l’attività di finanziamento: il fabbisogno finanziartio e la sua copertura
13 Il flusso di cassa operativo corrente
13.1 Il flusso di cassa operativo corrente: flusso potenziale e fabbisogno finanziario del ciclo operativo
13.2 La messa a punto del flusso operativo corrente
13.3 Metodo diretto e metodo indiretto per il flusso operativo corrente
14 La Nota Integrativa
14.1 Funzioni, criteri di redazione e contenuto
14.2 Le informazioni richieste dall’articolo 2427 del Codice Civile
14.3 Le informazioni richieste da altri articoli del Codice Civile
14.4 Le informazioni richieste da altre norme di legge
14.5 Le ulteriori informazioni necessarie per il “quadro fedele”
15 La Relazione sulla Gestione
15.1 La cornice al “quadro fedele”
15.2 La situazione della società, l’andamento e il risultato della gestione
15.3 I rapporti con le parti correlate
15.4 Dalla Relazione sulla Gestione al reporting di gestione
16 I bilanci semplificati
16.1 Il sistema informativo di bilancio: un onere eccessivo per le imprese più piccole
16.2 Il bilancio in forma abbreviata: chi può redigerlo e quando
16.3 Le abbreviazioni: in cosa consistono
16.4 Il bilancio delle micro-imprese
Parte III: La sostanza del bilancio
17 Valutare il capitale per determinare il reddito
17.1 La determinazione del reddito di esercizio
17.2 La strumentalità della determinazione del capitale di funzionamento rispetto alla determinazione del reddito di esercizio
17.3 La redazione dell’inventario per la valutazione del capitale
17.4 Il processo di valutazione degli elementi del capitale
18 Le immobilizzazioni materiali
18.1 Il percorso di valutazione e le “regole” di riferimento
18.2 Identificazione
18.3 La determinazione del valore originario
18.4 L’ammortamento
18.5 Le svalutazioni e i ripristini di valore
18.6 Le immobilizzazioni acquisite in leasing
18.7 I contributi
18.8 Le spese di manutenzione, riparazione, ampliamento e miglioramento
18.9 Le informazioni nella Nota Integrativa e nella Relazione sulla Gestione
19 Le immobilizzazioni immateriali
19.1 Il percorso di valutazione e le “regole” di riferimento
19.2 Identificazione
19.3 Gli oneri pluriennali
19.4 I beni e diritti immateriali
19.5 L’avviamento
19.6 Le informazioni nella Nota Integrativa e nella Relazione sulla Gestione
20 Le rimanenze di magazzino
20.1 Il percorso di valutazione e le “regole” di riferimento
20.2 Identificazione
20.3 Il criterio generale di valutazione
20.4 Il costo storico e le sue diverse configurazioni
20.5 La movimentazione del magazzino e i metodi di individuazione del costo delle giacenze
20.6 La determinazione del valore di mercato
20.7 Le informazioni nella Nota Integrativa e nella Relazione sulla Gestione
21 I lavori in corso su ordinazione
21.1 Il percorso di valutazione e le “regole” di riferimento
21.2 Identificazione
21.3 I criteri di valutazione dei lavori in corso su ordinazione
21.4 I ricavi e i costi di commessa
21.5 I costi per l’acquisizione della commessa, i costi pre-operativi e i costi post-operativi
21.6 Gli anticipi e gli acconti da clienti
21.7 Gli oneri finanziari relativi al finanziamento della lavorazione
21.8 Le commesse in perdita
21.9 Le informazioni nella Nota Integrativa e nella Relazione sulla Gestione
22 I titoli
22.1 Il percorso di valutazione e le “regole” di riferimento
22.2 Identificazione
22.3 La valutazione dei titoli immobilizzati
22.4 La valutazione dei titoli del circolante
22.5 Il cambiamento di destinazione
22.6 La valutazione dei titoli nei bilanci semplificati
22.7 Le informazioni nella Nota Integrativa e nella Relazione sulla Gestione
23 Le partecipazioni
23.1 Il percorso di valutazione e le “regole” di riferimento
23.2 Identificazione
23.3 La valutazione delle partecipazioni immobilizzate
23.4 La valutazione delle partecipazioni del circolante
23.5 Il cambiamento di destinazione
23.6 Le informazioni nella Nota Integrativa e nella Relazione sulla Gestione
24 I crediti
24.1 Il percorso di valutazione e le “regole” di riferimento
24.2 Identificazione
24.3 I presupposti per l’iscrizione in bilancio
24.4 La rilevazione iniziale: l’attualizzazione dei crediti
24.5 Le valutazioni successive
24.6 La valutazione dei crediti nei bilanci semplificati
24.7 L’eliminazione dei crediti dal bilancio
24.8 Le informazioni nella Nota Integrativa e nella Relazione sulla Gestione
25 I debiti
25.1 Il percorso di valutazione e le “regole” di riferimento
25.2 Identificazione
25.3 I presupposti per l’iscrizione in bilancio
25.4 La rilevazione iniziale
25.5 Le valutazioni successive: il criterio del costo ammortizzato
25.6 La valutazione dei debiti nei bilanci semplificati
25.7 Le informazioni nella Nota Integrativa e nella Relazione sulla Gestione
26 Le attività e passività in moneta estera
26.1 Il percorso di valutazione e le “regole” di riferimento
26.2 Identificazione
26.3 La rilevazione delle partite in moneta estera al momento in cui si effettua l’operazione
26.4 La rilevazione di utili e perdite su cambi realizzati al momento dell’incasso o del pagamento
26.5 La valutazione delle partite in moneta estera alla fine dell’esercizio: la rilevazione di utili e perdite presunti su cambi
26.6 Le informazioni nella Nota Integrativa e nella Relazione sulla Gestione
27 Gli strumenti finanziari derivati
27.1 Il percorso di valutazione e le “regole” di riferimento
27.2 Identificazione
27.3 I derivati speculativi e i derivati di copertura
27.4 La valutazione iniziale: il fair value
27.5 Le valutazioni successive: i derivati speculativi
27.6 Le valutazioni successive: i derivati di copertura (hedge accounting)
27.7 La valutazione degli strumenti finanziari derivati nei bilanci semplificati
27.8 Le informazioni nella Nota Integrativa e nella Relazione sulla Gestione

Contenuti Digitali riservati ai Docenti